Una risposta

  1. Cesare Nisticò ha detto:

    Lo spopolamento delle aree interne non produce solo impoverimento economico e culturale ma incide anche sull’assetto idrogeologico per i noti fenomeni di dissesto (frane, straripamenti di corsi d’acqua, ecc). La presenza umana e la struttura del territorio si influenzano reciprocamente creando quello che chiamiamo ecosistema. Sin dal 1990 la D.ssa Angiolina Oliveti, Dirigente Agronoma presso l’Assessorato all’Agricoltura, studiava questi fenomeni insieme al suo staff, di cui facevo parte, secondo le direttive del “Progetto speciale aree interne” dell’Unione Europea. Abbiamo persino redatto un progetto di legge. Il suo messaggio, e i suoi studi, che spaziavano dall’agronomia, alla geologia già, fino alla sociologia rurale, é rimasto inascoltato e meriterebbe di essere riportato alla luce.

Rispondi